La poesia della scienza cerca il senso della bellezza

«Puoi forse attraversare come il neutrino | tutta la terra come se niente fosse? | Puoi viaggiare per l’orlo della galassia | e ritornare più giovane di prima? | Puoi, per esempio, sfiorarmi con la mano | senza causare una catastrofe cosmica?». Spesso sono i poeti ad anticipare alcune scoperte o consentire il loro l’ingresso nell’immaginario collettivo, nel linguaggio comune: le metafore sono intuizioni, d’altronde «come gli artisti, i fisici hanno bisogno dell’immaginazione per avvicinarsi alla verità: ogni esperimento è preceduto da un’intuizione, da una domanda». Lo dice nel suo docufilm “Il senso della bellezza” (2017, Ubu) il regista Valerio Jalongo, che ha girato un film sul lavoro scientifico-artistico dei fisici del Cern di Ginevra. I versi di apertura, invece, sono di un poeta oggi dimenticato,  Juan Rodolfo Wilcock, che così scriveva nel libro “Italienisches Liederbuch – 34 poesie d’amore” che Rizzoli pubblicò nel 1974. Leggi tutto “La poesia della scienza cerca il senso della bellezza”

Al cinema arriva Gigione, il fenomeno che nessuno vuol studiare

Per chi confondesse: a sinistra Madonna, a destra Gigione

Il cappellino da baseball. Non lo toglie mai. Nei concerti del Vasco della sagra della salsiccia è elemento che regge la sacralità tra il musicista e gli spettatori. Il berretto con la visiera come ce l’abbiamo oggi si diffonde tra la gente comune negli Anni Sessanta: molto meglio del feltro, più sportivo, ma soprattutto il più delle volte con un simbolo sulla parte anteriore. Il cappellino comunica un brand, è al tempo stesso marchio di fabbrica e di se stessi. L’amuleto, il fazzoletto bianco di Armstrong, il crazy diamond. Il problema, semmai, è che parliamo di Luigi Ciaravola, aka Gigi One, alias Gigione. Il più discusso musicista della penisola italiana, tanto che quando si accostano altri nomi alla sua carriera, il naso si storce e la visiera s’abbassa. Eppure lui stesso dice di essersi ispirato a Otis Redding e di aver suonato il basso in una band, esperienza che gli ha permesso di conoscere il ritmo della gente, quello che il pubblico batte con la coscia. È stato definito (dalla vicepresidenza della provincia di Perugia, sic) inventore della “folk dance” all’italiana, forse persino l’unico vero musicista indie. Leggi tutto “Al cinema arriva Gigione, il fenomeno che nessuno vuol studiare”